Il Comune di Aranno: curiosità storiche



Il Comune di Aranno è situato sul versante sinistro della Valle della Magliasina, adagiato su un terrazzo da cui si gode di una incomparabile veduta su Pura, Lavena Ponte Tresa ed il Monte Lema; da alcuni angoli del paese si riescono persino ad ammirare il lago Maggiore ed il Monte Rosa.


© Comune di Aranno
© Comune di Aranno


Aranno, come altri villaggi della Regione Malcantone, ha origini molto antiche testimoniate da alcune antiche lapidi tombali che mostrano iscrizioni in un alfabeto nord-etrusco, adottato in epoca successiva dai Celti. Da queste iscrizioni si sa che questo territorio, essendo sorto attorno a un edificio di culto di epoca romana, era abitato da tempi antichissimi. Nell’anno 880, l’imperatore Carlo il Grosso ne confermò la donazione fatta dall’imperatrice Engilberga al Monastero di Sant’Ambrogio di Milano.

I confini giurisdizionali comunali tra Aranno e Cademario verranno fissati nel 1317, ma ancora nel 1567 erano fonti di continui litigi.Ancora oggi il paese si presenta come un borgo medievale, formato da portici e vicoli. 

Gli interventi edilizi non ne hanno mutato la struttura e, nel 1997, Aranno ha ricevuto il Premio Aspan per il piano particolareggiato di protezione del nucleo storico. Di notevole interesse architettonico sono poi la chiesa barocca di San Vittore Mauro, al margine meridionale del paese, e la cappella della Beata Vergine di Caravaggio, la quale sorge sul trivio per Cademario e Breno.

© Comune di Aranno
© Comune di Aranno
© Comune di Aranno


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *